Colombia, Medellín e Giron – day 8

Per cambiare ulteriormente rispetto alla downtown o alle Comuna stamattina ho preso la metro per Sabaneta.
Un piccolissimo distretto periferico che cambia totalmente aspetto. Molto facile da girare anche con tenendo la camera in mano bene in vista. Peraltro ero l’unico straniero. In un raggio di pochi isolati strade piene di attività, gente, un comizio del candidato sindaco e un ottimo pranzetto in un ristorante molto particolare.
Più crocefissi appesi ai muri che tavoli, nonostante di coperti perlomeno ne faceva un centinato. È un quartiere davvero molto sicuro che si può esplorare senza preoccupazioni. Ti offre un rinfrescante cambiamento di ritmo e un’atmosfera completamente diversa di una piccolo paesino a se più che un quartiere, ideale per una rapida corsa in metropolitana verso sud la domenica.
Me ne torno poi verso l’ora di pranzo alla Candelaria, meno caotica la domenica con molti negozi chiusi. Ma fa un caldo boia oggi e con largo anticipo me ne torno in albergo per prendere gli zaini e spostarmi all’aereoporto a solo 15’ dal Poblado dove partono piccoli voli interni di compagnie low-cost.
Tirando le somme Medellín mi ha conquistato. L’ho preferita e di un bel po a Bogotà.
È una città solare, ospitalissima, con tante bellezze da scoprire dietro ogni angolo e nei dintorni: da piazza Botero con opere d’arte per strada, alla cattedrale metropolitana, alle Comuna con una vista mozzafiato sulla città dall’alto.
Con le serate piene di vita alla zona rosa, al parque Leras popolato di locali e stranieri, alla zona fucsia con tavernette, liquorerie, bar, fast food.
Insomma bella davvero.
Volo un po’ turbolento per un diluvio universale su Bucaramanga dove ero diretto, fortunatamente finito poco prima dell’attereaggi.
Taxi per 15’ e sono nella pittoresca Giron a due passi dalla metropoli Bucaramanga.
La mia camera si affaccia sulla piazza principale e non so quando dormirò viste le tante bancarelle e il caos di strada con tanto di musica dal pub proprio sotto la mia finestra.
Davvero carino il piccolo paesino.

Girovago su e giù andando poi a cena nella zona dello streetfood. Una sorta di mercato con cucine all’aperto, una accanto all’altra sotto una tettoia in lamiera, con tavoli e sedie in marmo per noi clienti. E ci si litigano. Sono cucine una vicino all’altra e fanno di tutto per sederti da loro.
Patate al forno e non so cosa altro fosse la sorta di salsiccia piena di riso che ho preso e poi due passi fra le bancarelle prima di andare a farmi qualche birra in un locale dove ballavano salsa. Loro. Io seduto 😂

Domani sarà una giornata di relax, stacco, una pausa a Bucaramanga in attesa del volo per il giorno successivo a Santa Marta.
Buenas Noches

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...